Questo sito utilizza cookies propri e di altri siti Se vuoi saperne di più. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

La domotica oggi, e domani

Cosa è la domotica oggi? Cosa permette, cosa ha risolto, cosa ha reso possibile? E domani? Quali altri sviluppi potranno essere raggiunti? Proviamo a dare alcune risposte con il supporto dell'Ing. Luca Bertuzzi.

SEMPLICE LA VITA, CON LA DOMOTICA

In futuro il frigorifero farà la spesa, la cucina ci proporrà un menù in base ai gusti e al fabbisogno vitaminico, potremmo fare il giro del mondo e dopo 80 giorni ritrovare la casa pulita e funzionante.

Ma la domotica è già realtà: oggi è possibile controllare la luminosità degli ambienti abitativi, la temperatura, la sicurezza, i consumi energetici, e molto altro. Delegare le sue potenzialità alla fantascienza o limitarle a un'app per il controllo remoto è riduttivo. Ma questo forse perché viene ancora percepita come materia complessa anche se il suo scopo è quello di semplificare e:

“...migliorare la qualità della vita. Questo significa rendere un ambiente domestico o del terziario sicuro, accogliente, economico, semplice e 'automatico' nella gestione delle azioni quotidiane”

I SISTEMI DOMOTICI DI OGGI

Attualmente, per poter riconoscere un sistema domotico d'avanguardia il criterio migliore è proprio la semplicità. Dal punto di vista dell'utente e dell'installatore, gli impianti domotici devono essere semplici nell'installazione, nella programmazione, nell'utilizzo e nella manutenzione, oltre che espandibili.
Dal lato tecnico, hardware e software, elettronica e informatica devono interagire per effettuare operazioni complesse in modo intuitivo e automatico,

“rendendo intercomunicanti apparecchi, impianti, sistemi e persone. L’architettura a intelligenza distribuita e, in alcuni casi, ridondante ha nell’uso degli scenari - multipli, sequenziali, generali - il suo punto forte.”

GLI SVILUPPI FUTURI

E domani? La casa domotica del futuro sarà completamente interconnessa. I sensori della luminosità, della temperatura, della qualità dell’aria, ecc. saranno tutti intelligenti ovvero in grado di ricevere e trasmettere informazioni complesse e, tramite programmi dinamici, reagire autonomamente. Il controllo gestuale, così come quello vocale, sarà cosa normale. 


Insomma, negli sviluppi futuri della domotica, per citare le parole dell'ingegnere:

“Il limite sarà solo la fantasia”